Ultimi argomenti
» Condizioni Generali di Registrazione e Regolamento del Forum di Alzalamente
Dom Apr 29, 2012 12:49 pm Da lucrezia sebaste

» il raggio verde
Mar Set 21, 2010 5:34 pm Da arcangelo

» raccolta di foto e notizie sui ponti
Lun Mar 29, 2010 12:04 am Da francesca

» Lauretta Masiero
Mer Mar 24, 2010 6:48 pm Da arcangelo

» tempo vero
Mer Mar 24, 2010 6:43 pm Da francesca

» 2010-03-14 -Peter Graves
Mar Mar 16, 2010 8:21 pm Da arcangelo

» Spagna, in Andalusia la legge sulla morte degna e senza dolore
Ven Feb 26, 2010 1:38 pm Da arcangelo

» a cosa serve e come usarla
Gio Feb 25, 2010 10:12 pm Da francesca

» Tutto su mia madre
Mar Feb 16, 2010 8:13 pm Da francesca


Hugo Claus - Dolce morte per lo scrittore era malato di Alzheimer

Andare in basso

Hugo Claus - Dolce morte per lo scrittore era malato di Alzheimer

Messaggio Da arcangelo il Ven Ott 31, 2008 3:27 pm


Hugo Claus

ROMA - Voleva andarsene con fierezza e dignità. Prima che la malattia lo consumasse, gli impedisse di scrivere, dipingere. Prima che l'Alzheimer lo rendesse estraneo a se stesso e agli altri. E così è stato. Hugo Claus, più volte
candidato al premio Nobel per la letteratura, nel 2000 vincitore del premio Nonino, il più grande scrittore fiammingo, romanziere, drammaturgo e poeta, è morto ieri a 78 anni in un ospedale di Anversa. Nel giorno e l'ora in cui aveva deciso.

Se n'è andato per eutanasia, ha comunicato la sua casa editrice. Perché il Belgio è uno dei tre paesi europei, con Lussemburgo e Olanda, dove la "buona morte" - dal 2002 - è legale. Così Claus ha potuto chiedere ai medici della clinica di Anversa che lo curavano di prendersi cura anche della sua morte. Dopo aver vissuto spendendosi sino all'ultimo per il suo paese, amato e criticato con ferocia nei suoi libri, raccogliendo firme contro il separatismo durante la profonda crisi di governo di settembre. "Scrivere - affermava - è mettere il dito nella piaga, ovvero, siccome non vi ci si mette certo il mignolo, buttandovisi con tutti se stessi, con la propria lingua e parole, come in un baratro". E lui lo aveva fatto soprattutto nel suo romanzo più noto, La sofferenza del Belgio.

"Sono felice per Claus. Lui ha potuto. Lui ha avuto la libertà di scegliere quando la vita gli è parsa senza via di uscita, senza speranza". Così Mina Welby, pensando alla lunga lotta di suo marito prima di poter smettere le cure, ha commentato la notizia della morte del grande scrittore.

(20 marzo 2008)
avatar
arcangelo
Admin

Numero di messaggi : 86
Età : 59
Località : Bologna
Data d'iscrizione : 15.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.alzalamente.it/

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum